Menu

Stanley Whitney

April 4–June 26, 2020
Rome

Stanley Whitney, That’s Rome, 2019 Oil on linen, 96 × 96 inches (243.8 × 243.8 cm)© Stanley Whitney. Photo: Rob McKeever

Stanley Whitney, That’s Rome, 2019

Oil on linen, 96 × 96 inches (243.8 × 243.8 cm)
© Stanley Whitney. Photo: Rob McKeever

About

To prioritize the safety of our staff, artists, and the public, Gagosian has temporarily closed its galleries worldwide due to the covid-19 outbreak.

The color, the light, the ancient architecture—I never tire of contemplating Rome. Rome always clarifies and inspires my work. The current form of my painting started to take shape in the nineties when I was absorbed in the city and looking at ancient and Renaissance architecture. In Rome, there is an order, an ancient rhythm, that I want in my paintings. 
—Stanley Whitney

Gagosian is pleased to present new paintings by Stanley Whitney. This is his first exhibition with the gallery and his first major exhibition in Rome, where he lived for five years during the 1990s. The exhibition features works produced in Italy and the United States.

Whitney’s vibrant abstract paintings unlock the linear structure of the grid, imbuing it with new and unexpected cadences of color, rhythm, and space. Deriving inspiration from sources as diverse as Piet Mondrian, free jazz, and American quilt making, Whitney composes with blocks and bars that articulate a chromatic call-and-response within each canvas.

Read more

A seguito della pandemia COVID-19 e a protezione del suo staff, degli artisti e dei visitatori, Gagosian ha chiuso temporaneamente tutte le sue gallerie.

Il colore, la luce, l’architettura antica – non mi stanco mai di contemplare Roma. Roma da sempre illumina ed ispira il mio lavoro. La mia tecnica pittorica attuale ha iniziato a prendere forma negli anni novanta, quando, immerso nella città, mi guardavo intorno ammirando l’architettura antica e rinascimentale. A Roma vige un ordine e un ritmo antico che voglio nei miei dipinti.
—Stanley Whitney

Gagosian è lieta di presentare una mostra di nuovi dipinti di Stanley Whitney. Questa è la sua prima mostra con la galleria e la prima significativa esposizione a Roma, città in cui ha vissuto per cinque anni negli anni 90. La mostra presenta opere realizzate in Italia e negli Stati Uniti.

La vivace astrazione di Whitney interrompe la struttura lineare della griglia, riempiendola di nuove e inaspettate cadenze di colore, ritmo e spazio. Traendo ispirazione da fonti diverse come le opere di Piet Mondrian, il free jazz, e le trapunte Afro-Americane, Whitney compone le sue tele con blocchi e barre in un dinamico gioco cromatico di “botta e risposta”.

Whitney ha trascorso molti anni sperimentando il potenziale apparentemente illimitato di una singola tecnica compositiva, dividendo liberamente tele quadrate in registri multipli. L’olio applicato sottilmente conserva il suo tocco vivace e permette un grado di trasparenza e di tensione ai bordi, tra ogni parte vivida e rettilinea. Utilizzando tele di varie dimensioni, l’artista esplora gli effetti variabili delle sue geometrie disegnate a mano libera, sia in grande scala che in formato più intimo, mentre applica abilmente successivi blocchi di pittura rispondendo al richiamo di ogni colore.

Sebbene Whitney si sia profondamente dedicato alla sperimentazione cromatica nel corso di tutta la sua carriera, ha consolidato il suo originale approccio durante un viaggio formativo in Italia nel 1992, trasformando le sue composizioni da slegati insiemi di forme amorfe alle più solide e sovrapposte disposizioni che caratterizzano il suo stile maturo. Sono state l’arte romana e l’architettura – incluse le imponenti facciate del Colosseo e di Palazzo Farnese e i ripiani delle urne funerarie esposte al Museo Nazionale Etrusco – ad aver ispirato in Whitney la relazione tra colore e geometria.

L’Italia rimane una fonte di ispirazione fondamentale e duratura per Whitney, che trascorre le sue estati dipingendo in uno studio vicino Parma. L’artista lavora prolificamente, esplorando continuamente tutte le possibilità del colore, cosa che rappresenta ormai il tratto distintivo nelle sue opere. In Italia Whitney adatta la tavolozza in base alla storia che lo circonda, permettendo tonalità tenui, il beige e i marroni, e i rossi Pompeiani, che assumono quindi un ruolo importante nelle sue ricche e varie composizioni.

Questi toni caldi ci appaiono in tutta la loro potenza in Bertacca 2 (2019), una delle tre grandi tele incluse in mostra, che Whitney ha realizzato in Italia. In quest’opera, l’artista riproduce la tonalità del vermiglio, presente negli affreschi in trompe l’oeil di Boscoreale, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Whitney riesce a ricreare la stessa tonalità luminosa, in strisce dense e in losanghe di pittura, contrapponendola direttamente al rosso cardinale, colore che ha invece sviluppato negli Stati Uniti. Le tonalità contrastanti di Whitney creano un’interazione dinamica tra spazio e massa, permettendo ai ritmi del passato classico di dialogare con il presente attivo.

Ufficio ​stampa

PCM Studio
Federica Farci
federica@paolamanfredi.com
+39 342 05 15 787

Gagosian
pressrome@gagosian.com
+39 06 4208 6498

Rome

Via Francesco Crispi 16
00187 Rome

+39 06 4208 6498
rome@gagosian.com

Hours: Tuesday–Saturday 10:30–7

In the interest of public health, this gallery is temporarily closed until further notice.

Press

PCM Studio
Federica Farci
federica@paolamanfredi.com
+39 342 05 15 787

Gagosian
pressrome@gagosian.com
+39 06 4208 6498